Uccide moglie in Pakistan, arrestato a Latina. Aveva “permesso per motivi umanitari”

Era ricercato per aver ucciso la moglie a colpi di pistola in Pakistan. Sheraz Malik Khan, 31 anni, accusato di omicidio aggravato, è stato bloccato e arrestato dalla polizia a Latina. Da circa due anni era latitante.

Ricerche a livello internazionale – Per gli agenti della Squadra mobile del capoluogo pontino non è stato difficile catturarlo. L’uomo – come scrive il Corriereaveva un permesso di soggiorno per scopi umanitari, è stato infatti fermato dopo essersi recato all’ufficio immigrazione della Questura proprio per rinnovare il documento di soggiorno. Ad attenderlo, però, ha trovato gli agenti della squadra mobile che lo hanno subito bloccato. Nei giorni scorsi la polizia di Latina era stata allertata dal Servizio di cooperazione internazionale della direzione centrale della polizia criminale, dopo che l’Interpol aveva diramato una nota per rintracciare il pakistano. Le ricerche erano state estese a livello internazionale.

Rinchiuso nel carcere di Latina – Il giovane asiatico è accusato di aver ucciso la moglie, insieme ad alcuni complici (rimasti sconosciuti), esplodendo contro la donna diversi colpi di pistola. Il folle gesto, avvenuto nella sua abitazione nel mese di febbraio 2018, sarebbe stato scatenato dal divorzio tra i due coniugi. Ora l’uomo si trova nel carcere del capoluogo pontino a disposizione dell’autorità giudiziaria. La Corte d’Appello di Roma, lunedì 27, ha convalidato l’arresto e il Pakistan potrà richiederne l’estradizione nei prossimi quaranta giorni.

Condividi

 

Seguici sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguici sul Social VK https://vk.com/imolaoggi