Attacco con coltello in Germania: uomo ucciso dalla Polizia non era terrorista, ma “malato di mente”

Le autorità tedesche hanno annunciato che l’uomo ucciso a colpi di arma da fuoco davanti a una stazione di polizia di Gelsenkirchen, dopo aver aggredito i poliziotti, non aveva intenti terroristici, ma soffriva di malattie mentali.

La “perquisizione in casa sua non ha confermato la supposizione di una motivazione terroristica”, hanno dichiarato la polizia di Gelsenkirchen, Münster e la Procura di Essen in una dichiarazione congiunta.

Un poliziotto di 23 anni ha aperto il fuoco sull’uomo di 37 anni, che è stato colpito quattro volte. “Gli investigatori hanno indicazioni che questo residente di Gelsenkirchen aveva problemi mentali”, hanno aggiunto.

Domenica sera, quest’uomo di nazionalità turca ha attaccato con un bastone un’auto della polizia. Poi ha presumibilmente minacciato due poliziotti di 23 e 41 anni con un coltello e ha gridato “Allah Akbar” (“Dio è grande”), ma gli investigatori stanno cercando di determinare l’accuratezza di queste informazioni.

È stato trovato un coltello sulla scena, ma le indagini dovranno determinare “se e in quali circostanze l’uomo abbia attaccato la polizia”, ​​secondo il comunicato stampa.

Condividi

 

Seguici sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguici sul Social VK https://vk.com/imolaoggi