India: comunità Lgbtq protesta per sostenere i musulmani

Condividi

 

foto Bilal Kuchay/Al Jazeera

In India è stata approvata una legge che nega la cittadinanza agli immigrati musulmani irregolari.

Nuova Delhi, India – Più di 1.000 membri della comunità LGBTQ dell’India e altri gruppi per i diritti hanno marciato nella capitale, Nuova Delhi, per protestare contro il Citizenship Emendamento Act (CAA), che secondo i critici viola la costituzione secolare del Paese ed è anti-musulmano.

Sventolando bandiere arcobaleno, i manifestanti portavano cartelli e gridavano slogan, come “Vogliamo la libertà dal fascismo” e “Salva la costituzione”.

In India vi sono 200 milioni di musulmani-

Il ministro indiano Gujarat, che difende la nuova legge (restrittiva) della cittadinanza indiana:
“I MUSULMANI HANNO 150 NAZIONI IN CUI ANDARE, NOI INDIANI ABBIAMO SOLO L’INDIA”

Nel video sotto, i musulmani indiani cantano slogan per provocare gli indù  “Dillo sulle barricate. La Illaha ill illa Allah” (Non c’è altro dio al di fuori di Allah)

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -