Eutanasia, pm: “Assolvere Cappato, il fatto non sussiste”

Condividi

 

La sentenza della Corte costituzionale “al principio di sacralità della vita (…) sostituisce la tutela della fragilità umana“. Lo ha detto il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano nella requisitoria durante la quale sta spiegando che nel caso di dj Fabo ricorrono tutti e 4 i requisiti indicati dalla Consulta che ha tracciato la via sulla non punibilità dell’aiuto al suicidio, reato di cui risponde Marco Cappato. Per questo ‘il fatto non sussiste’ e il pm ha chiesto l’assoluzione per l’esponente radicale.

La difesa – La difesa di Marco Cappato ha chiesto l’assoluzione dell’esponente dei radicali, imputato a Milano per aiuto al suicidio, con la formula “perché il fatto non costituisce reato” chiedendo alla Corte di fare “un passo avanti” e di avere “coraggio giuridico”.

DJ Fabo

Il processo – Il processo è ripreso a Milano, dopo la sospensione per la decisone della Consulta sul fine vita. Marco Cappato, è stato accusato di aiuto al suicidio per aver accompagnato Fabiano Antoniani, noto come dj Fabo, a morire in Svizzera nel febbraio 2017. Il processo, che per via della pronuncia della Corte costituzionale si prevede si concluderà con un’assoluzione, si celebra davanti alla Corte d’Assise. Al processo, oltre a Cappato, è presente anche la fidanzata di dj Fabo, Valeria Imbrogno. Nell’aula ci sono molte persone tra il pubblico.  notizie.tiscali.it

Seguiteci sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/imolaoggi

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -