In 10 anni 250mila giovani via dall’Italia: persi 16 miliardi

Condividi

 

Negli ultimi dieci anni hanno lasciato il nostro Paese circa 500mila italiani, la metà dei quali tra i 15 e i 34 anni, Si stima che la fuga dei 250mila giovani ci sia costata 16 miliardi di euro, pari all’1% del Pil: è questo il valore aggiunto che i giovani migrati all’estero potrebbero realizzare se fossero occupati in Italia. I dati emergono dal “Rapporto 2019 sull’economia dell’immigrazione” della fondazione Leone Moressa.

Tra le cause dell’esodo dei giovani dall’Italia spiccano le “scarse opportunità occupazionali”. Il nostro Paese, infatti, registra il tasso di occupazione più basso d’Europa nella fascia 25-29 anni: il 54,6% contro una media Ue del 75%.



Nella stessa fascia d’età anche il tasso di neet (chi non studia e non lavora) è il più alto d’Europa: 30,9% a fronte di una media Ue del 17.1%. Inoltre il livello di istruzione dei nostri giovani è definito “molto basso”: tra i 25 e i 29 anni “solo il 27,6% è laureato, quasi 12 punti in meno rispetto alla media europea”. tgcom24.mediaset.it

Però si spendono fiumi di denaro per dare lavoro ai “migranti”

Padova: al via progetto per dare lavoro a 150 migranti



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -