Risse, spaccio, delinquenza e sbandati. “Milano in mano alla malavita”

Condividi

 

La scorsa notte, intorno alla mezzanotte, un turista bulgaro, che stava aspettando un autobus diretto a Lione, al terminal di Lampugnano, a Milano, è stato colpito con un pugno al volto e rapinato da due malviventi che sono poi riusciti a scappare. In particolare, il turista di 22 anni è stato prima aggredito e immobilizzato dai due e poi colpito con un pugno. I rapinatori gli hanno portato via una borsa che conteneva una macchina fotografica e un pc. Il giovane aggredito è rimasto ferito in modo lieve ed è stato portato all’ospedale San Carlo solo per accertamenti. Sul posto sono intervenuti i carabinieri.

Della vicenda riferisce l’assessore regionale con deleghe alla Sicurezza, Riccardo De Corato, che lamenta il “silenzio assordante da Palazzo Marino”. “Questo – annota – è l’ennesimo episodio di un’estate piena di tristi episodi avvenuti, maggiormente, nelle periferie abbandonate da sempre dal sindaco Sala. Ormai tutta Milano, specialmente nelle ore serali e notturne, è in mano a balordi e sbandati, soprattutto stranieri, e non mancano frequenti furti, come avvenuto anche ieri in corso Vercelli e Vittorio Emanuele. Inoltre, quotidianamente, si verificano numerose risse specialmente quelle etniche”.



“Chi violenta, chi spaccia, chi rapina, chi truffa e chi pensa di poter risolvere questioni in sospeso a colpi di cacciavite con scontri da far west nel bel mezzo della strada. La situazione nella nostra città – dice De Corato -, in tutte le zone, è davvero allarmante e mi meraviglio di come, a Palazzo Marino, ci sia un silenzio assordante. Dove sono finiti i controlli agostani, promessi da Sala e Scavuzzo, da parte della Polizia locale?”.

www.secoloditalia.it



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -