Pd-M5s, la parola d’ordine sarà: tassare, tassare, tassare


di Alessandro Gnocchi – www.nicolaporro.it

Qualunque imbecille può inventare e imporre nuove tasse: per questo i giallorossi le inventeranno e le imporranno, nel caso vada in porto la trattativa in corso. L’unico punto in comune tra i partiti in questione è questo: redistribuire, redistribuire, redistribuire. Ovvero: tassare, tassare, tassare. Maffeo Pantaleoni, economista liberale, ministro nella Fiume di Gabriele d’Annunzio scrisse la frase che abbiamo collocato in apertura: qualunque imbecille può inventare e imporre nuove tasse.

Esistono studi, che ovviamente i grandi editori non pubblicano, ma sono pubblicati da “piccoli” editori, che dimostrano l’inutilità di alzare le tasse. L’effetto è uno solo: aumenta il debito pubblico senza che ci sia un parallelo miglioramento dei servizi. Tradotto: i soldi prelevati dalle tasche dei cittadini non vanno a finanziare sanità, scuole, infrastrutture. Vanno a foraggiare le clientele dei partiti. Gli 80 euro di Renzi, il reddito di cittadinanza sono due esempi lampanti. Vediamo quale altra truffa inventerà la nuova maggioranza, nell’infausto caso che si materializzi.

Alessandro Gnocchi, 26 agosto 2019

Condividi