Open Arms al governo spagnolo: “Siamo vittime di un sequestro”

Condividi

 

Il fondatore di Open Arms Oscar Camps lancia dalla nave, via Twitter, un appello al capo del governo spagnolo Pedro Sanchez, che per tre volte si è rifiutato di parlargli.

Mi scusi se la disturbo durante le sue vacanze – scrive – ma siamo cittadini spagnoli e siamo vittime di un sequestro, e non di pirati somali”. Da 17 giorni a bordo della nave Ong con centinaia di naufraghi tratti in salvo nel Mediterraneo ai quali viene impedito lo sbarco, Camps nel video spiega che “la tensione che si vive a bordo è insostenibile. Sono già 17 giorni che sopportiamo tutta questa tensione. Nemmeno dei detenuti – afferma – possono essere trattati in questo modo e qui ci tiene sequestrati contro la nostra volontà un governo europeo a cui un tribunale ha imposto che la nave venga evacuata e che venga fornita assistenza sanitaria. Io mi vergognerei – dice ancora nel video rivolto a Sanchez – se fossi un politico o un capo del governo. Tutto quello che stiamo vivendo noi spagnoli a bordo della Open Arms è ingiustificabile”.

Oscar Camps (Proactiva Open Arms) afferma di non aver ricevuto alcuna chiamata dal governo spagnolo nonostante la disperata situazione delle persone che sono state sulla loro nave di salvataggio per due settimane.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -