Migranti, prete contro il Decreto Sicurezza “schiaffo al Vangelo”

Condividi

 

“Chissà se al buon samaritano avranno sequestrato la cavalcatura?”. E’ il paragone sceto da don Tarcisio Nardelli, parroco della chiesa del Cuore immacolato di Maria, a Borgo Panigale. Ieri, nella sua omelia per il funerale dell’ex segretario della Fiom-Cgil, Bruno Papignani, ha citato la parabola assieme all’appello di padre Alex Zanotelli contro il decreto sicurezza bis, per la parte che riguarda l’accoglienza dei migranti.

Il buon samaritano in questo caso sono le ong che salvano le persone in mare, vedendosi poi sequestrare le navi, come accaduto nel caso della Sea Watch e della Alex. “Quanta gente che pensava di non credere sarà accolta nel regno dei cieli? Non saremo giudicati per essere stati a messa, ma saremo giudicati per aver aiutato chi ha bisogno”, continua don Tarcisio, che conclude la sua omelia parlando dei tempi “non belli” che vive l’Italia, sulla necessità di “vigilare sul presente”.



Quanto al decreto sicurezza bis, da Zanotelli è definito “un obbrobrio giuridico ed etico, che viola i dettami costituzionali ed è uno schiaffo al Vangelo. Verranno giorni in cui questi atti saranno considerati crimini”, scandisce il parroco leggendo le parole del prete missionario. “Qui è in ballo il cuore del Vangelo stesso”, conclude il parroco, finito sui giornali un paio di anni fa per aver inviato ai politici, dopo la mancata approvazione della legge sullo ius soli, una copia del Vangelo e della Costituzione. (agenzia dire)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -