Il fotografo della Boschi insulta ancora: “Migranti meglio di quei cogli… degli italiani”

Condividi

 

“Ma dov’è l’invasione? Ma smettetela”. Insulti a destra e a manca, e pure minacce. Ai microfoni della Zanzara su Radio 24 Oliviero Toscani (il fotografo di Maria Elena Boschi, ndr) attacca a testa bassa e finisce per gettare fango su tutti. “Lasciar entrare gli immigrati sarà la nostra fortuna – dice – invece di quei quattro coglioni di italiani che non capiscono niente”. Parole al vetriolo che lasciano sbigottiti perché fano seguito a un’intimidazione (tutt’altro che velata) ai figli di Matteo Salvini. “Gli auguro che succeda a suo figlio di essere su una barca e non gli permettono di sbarcare- tuona il fotografo – può darsi che gli succeda”.

L’intervista a Toscani, riportata dal sito Dagospia, è un profluvio di odio contro Salvini, contro la Lega, contro la destra e, più in generale, contro gli italiani. Parole violentissime infarcite di insulti che sono state pronunciate alla Zanzara e che sono destinate a scatenare una polemica senza fine. Ovviamente al centro della sua invettiva c’è l’emergenza immigrazione e la direttiva del Viminale che ha portato alla chiusura dei porti italiani ai barconi partiti dalle coste del Nord Africa. “Salvini è un incivile”, tuona il fotografo schierandosi totalmente al fianco dei clandestini. “Ma che clandestino del cazzo – sbotta in radio – cosa vuol dire clandestino? Non sono clandestini sui barconi, c’è della gente. Clandestino è il Padre Eterno, che non l’ho mai visto”. A suo dire l’invasione non esiste. E, infischiandosene dei numeri dei disperati che negli ultimi anni si sono riversati sulle nostre coste, auspica che ne arrivino altri. Li considera migliori “di quei quattro coglioni di italiani che non capiscono niente”.



Toscani non porta argomenti. Solo insulti. E, anche quando si trova d’accordo con Salvini (per esempio sul fatto che non bisogna farsi le canne), si inventa un distinguo dopo l’altro e finisce nel solito sproloquio. “Non gli tira più l’uccello”, dice riferendosi al leader del Carroccio. Quindi passa a inveire contro i sovranisti in generale (“Abbiamo una destra ignorante”) e a lodare i francesi. “La Gioconda è italiana perché l’ha fatta Leonardo da Vinci. Ma è meglio resti in Francia perché è curata meglio che se ce l’avessimo noi”. Uno sproloquio, appunto. Senza capo né coda. “Smettiamola con questo campanilismo che ci rincretinisce – incalza – io mi sento più vicino a Parigi che a Canicattì”.

A sentirlo parlare alla Zanzara si capisce proprio che a Toscani no va proprio giù il concetto di patria. Proprio non gli piace. “Mi fa schifo”, mette pure in chiaro. “È una roba ottocentesca”. Poi, dulcis in fundo, eccolo fiondarsi contro Benito Mussolini, il cui fantasma ormai la sinistra nostrana vede ovunque. “Si dice che Mussolini dovesse scopare una donna al giorno – argomenta – quelli che devono dimostrare di scopare una donna al giorno secondo me sono degli impotenti che devono dimostrare di non esserlo”.

www.ilgiornale.it



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -