Caserta, fine business migranti: proteste del centro sociale che gestisce lo Sprar

Condividi

 

Qualche giorno fa, i carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta hanno posto sequestro, su ordine della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, il capannone che ospita il centro sociale ex Canapificio, associazione che gestisce lo Sprar, il sistema di accoglienza dei presunti rifugiati. I residenti del luogo, dopo anni di degrado, hanno apprezzato la chiusura tirando un sospiro di sollievo.

Oggi immigrati e gestori del centro sociale, sito nei pressi della Reggia, hanno manifestato bloccando la città contro la chiusura del centro, voluta dalla procura. Non sono mancati i soliti insulti a Salvini.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -