Non si ferma all’alt e prende a pugni poliziotto: nessuna misura cautelare

Condividi

 

Non si ferma all’alt e prende a pugni poliziotto. Per lui nessuna misura cautelare. Un 41enne pregiudicato, allo Sperone, nella zona sud di Palermo, non solo non si è fermato all’alt, ma ha anche preso a pugni un agente, dopo un inseguimento che si è concluso sotto casa del fuggiasco, dove altra gente del vicinato ha iniziato a lanciare piatti e bicchieri per sottrarre l’uomo alla Polizia.

“Sottrarre un uomo all’arresto è un reato – dichiara Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (SAP) – così come è un reato non fermarsi all’alt e prendere a pugni un agente. I colleghi hanno arrestato il tizio per il quale, il giorno seguente, in tribunale non è stata prevista alcuna misura cautelare, come se fosse normale fuggire ad un controllo e prendere a pugni un poliziotto”.

“Questo – prosegue Paoloni – denota una grossa lacuna nell’impianto normativo, che non permette l’applicazione di una pena certa. Come SAP, con la nostra richiesta di idonee garanzie funzionali, ora oggetto di una proposta di legge che l’on. Tonelli presenterà alla Camera, chiediamo inasprimento delle pene per chi commette reati resistenza o violenza nei confronti di un pubblico ufficiale. Chi è deputato a garantire la sicurezza – conclude – se non è adeguatamente tutelato, vede venir meno il senso della sua mission”.

COMUNICATO STMPA SAP

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -