Corte dei Conti in picchiata su ‘Airbus di Renzi’, “aiuto di Stato ad Alitalia”

Condividi

 

Roma L’Airbus A-340, meglio conosciuto come Air Force Renzi, che l’attuale governo sta cercando di ridare indietro a Etihad, sarebbe finito al centro di un’inchiesta della Corte dei conti, che starebbe indagando per capire il perché un velivolo che all’epoca in cui fu preso in leasing valeva sul mercato non più di 50 milioni di euro sia stato, invece, fermato dall’esecutivo di allora per 168 milioni 205mila euro. Ammontare che sarebbe stato versato man mano se il contratto fosse stato portato a termine.

Il sospetto è quello di un aiuto di Stato ad Alitalia, società che all’epoca in cui sugli scranni di palazzo Chigi sedeva l’ex premier Matteo Renzi, era già in forte crisi. E che dall’operazione, senza far nulla, incassò 7,3 milioni di euro, a cui si aggiunsero 31 milioni per la manutenzione. Ma sulle tracce di possibili inghippi starebbe anche la magistratura ordinaria che, secondo fonti del Giornale, starebbe per tirar fuori la verità sul perché l’uomo di punta del Giglio magico e i suoi ministri vollero a tutti i costi quell’aereo così antieconomico e inutile.

La storia è semplice da raccontare e di fronte agli occhi di tutti.

Nel 2015 la presidenza del Consiglio chiese un parere all’Aeronautica militare su un possibile leasing per l’A-340. La Forza armata, che all’epoca era guidata dal generale Pasquale Preziosa, dette parere tecnico negativo, indicando i vari svantaggi. La scelta, nonostante ciò, venne imposta. L’aereo arrivò in Italia e fu verniciato a settembre 2015, con la scritta «Repubblica italiana», quando ancora del contratto non c’era neanche l’ombra, così come i documenti non erano ancora stati firmati quando a dicembre i piloti italiani partirono per l’addestramento.

Peraltro, di quell’aereo non c’era necessità anche perché solo il 5 per cento dei voli di Stato era così lungo da aver bisogno di uno scalo di un’ora per il rifornimento di carburante e gli altri li facevano senza problemi i velivoli del 31esimo stormo. La dimostrazione sta nel fatto che Renzi non ha mai volato su quell’aereo.

Ma ci sono altri punti veramente poco chiari.

Anche i Falcon 900 dati alla Cai, l’agenzia di trasporto dei servizi italiani, sono andati via, come racconta qualche bene informato, «a parole». Partirono da Ciampino per essere riconfigurati da velivoli civili quando ancora non erano stati sistemati i documenti con Armaereo, la Direzione per gli armamenti aeronautici e l’aeronavigabilità.

Il ministro alle Infrastrutture, Danilo Toninelli, e il vicepremier Di Maio hanno fatto una vera e propria crociata, con tanto di teatrino con i giornalisti in hangar a Fiumicino, chiarendo che l’Air Force Renzi tornerà presto ai legittimi proprietari. La verità è che Etihad non ci pensa nemmeno a riprendersi un aereo che non serve più a niente, tanto che ha aperto un contenzioso con Alitalia, che rischia penali altissime, così come lo Stato italiano. Etihad avrebbe anche fatto ricorso al Tar.

Cosa certa è che tutti coloro che hanno cercato di osteggiare la corsa di Renzi verso l’acquisizione in leasing dell’aereo, prima o poi si sono trovati indagati dalla Procura militare per i motivi più disparati. Come è successo allo stesso Preziosa, accusato di accanimento nei confronti di un altro generale. È poi stato assolto, dimostrando la sua innocenza, ma anche di aver ragione sull’aereo. Altri, invece, sono saliti momentaneamente sul carro del vincitore, battendosi il petto per un velivolo che, lo ha dimostrato il tempo, è pronto per essere rottamato.

Chiara Giannini –  www.ilgiornale.it

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Diffamazioni a Imolaggi – Armando Manocchia risponde ai professionisti della mistificazione

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -