Firenze: kosovaro spacca vetrata a testate, si spoglia e aggredisce i Cc

Ha dato in escandescenze in via de’ Benci ieri sera, intorno alle 19. Un uomo, in forte stato di agitazione, dopo un forte litigio con la ex-fidanzata, ha inveito e sfogato la propria rabbia contro diversi locali della strada. L’uomo, un giovane di 23 anni di origini kosovare, è uscito da un kebabbaro e ne ha poi parzialmente sfondato, come si vede dalle foto sotto, la vetrata, ferendosi la testa. Sanguinante, e poi togliendosi dei vestiti e restando parzialmente nudo, ha continuato a camminare in direzione dell’Arno, perdendo copiosamente sangue sulla strada. Ha gettato in terra e spaccato alcuni posaceneri posati sui tavolini di un noto locale della zona, poi ha gettato in terra diversi vasi dei fiori.

Nel frattempo sono sopraggiunti il 118, un’automedica e quattro pattuglie dei carabinieri, che hanno parlato alcuni minuti, secondo quanto riportano dei testimoni, con il giovane. Il 23enne però improvvisamente avrebbe dato di nuovo in escandescenze, aggredendo anche i carabinieri. I militari alla fine sono riusciti a fermarlo e arrestarlo, ammanettandolo. Poi l’uomo, sedato dai sanitari, è stato portato, scortato dai militari, all’ospedale di Santa Maria Nuova, per le ferite riportate e per valutarne lo stato psico-fisico.

Dagli accertamenti successivi che il 23enne, gravato da un precedente per furto, era già stato autore in passato di condotte persecutorie nei confronti dell’ex fidanzata. Ieri sera, dopo averla minacciata telefonicamente, si era recato nei pressi dell’abitazione della ragazza, andando in escandescenze al suo diniego ad incontrarlo.

È stato arrestato per resistenza e lesioni nei confronti di due carabinieri intervenuti e denunciato per danneggiamento e atti persecutori.

www.firenzetoday.it

Renzi: Firenze è la prima città che ha capito la globalizzazione

 

Condividi