Palermo sommersa dai rifiuti, incendi nella notte “aria irrespirabile”

PALERMO, 29 DIC – Ancora cumuli di rifiuti sparsi nelle strade dei Palermo in cento e in periferia. E ancora una notte di incendi d’immondizia nella notte. I vigili del fuoco sono intervenuti in diverse zone dove ormai le montagne di spazzatura non raccolta invadono le strade. I roghi sono stati appiccati in via Castellana, in via Guido Rossa, in via Silvio Pellico e in via Anapo. Ancora incendi in via Imera, in via del Vespro, in via Sacco e Vanzetti e in via Palmerino. Tanti residenti hanno chiamato la sala operativa per segnalare la presenza di fumo che entrava in casa e rendeva l’aria irrespirabile.

Per il sindaco Leoluca Orlando (Pd) a Palermo “c’è una emergenza rifiuti” e “abbiamo richiesto le pale meccaniche delle società partecipate per rimuovere la spazzatura”. “Il quartiere al centro dell’attenzione per la pulizia straordinaria riteniamo debba essere Bonagia, che ha il più basso tasso di evasione della Tari; mentre il più alto tasso di evasione si registra nei quartieri Libertà, Sferracavallo e Mondello”, ha aggiunto.

Il sindaco attacca quei dirigenti che “sono stati i protagonisti di una vergognosa gestione dell’Amia (società fallita e sostituita dalla Rap, ndr) che avrebbe dovuto essere colpita per falso in bilancio e truffa qualora il mio predecessore, Diego Cammarata, non avesse omesso di denunciare i responsabili, impedendo così l’apertura del processo per accertare le responsabilità del CdA e dei dirigenti”. Intanto la Procura indaga sui roghi di cassonetti e cumuli di rifiuti: sono 40 gli incendi compiuti la notte scorsa concentrati soprattutto tra il quartiere Oreto e Bonagia.ANSA

Condividi