Aumentano i casi di meningite cerebrospinale in Nigeria

Aftica, cintura della meningite

Con nuovi casi di meningite cerebrospinale (CSM) confermati in due stati, il Centro Nigeriano per il controllo delle malattie (NCDC) ha invitato i nigeriani ad essere in allerta contro la malattia. Il consiglio è stato dato in una nota stampa firmata dal direttore generale dell’agenzia, Chikwe Ihekweazu, martedì.

Secondo l’agenzia per il controllo della malattia, nell’ultimo mese si è verificato un aumento dei casi sospetti di CSM a Katsina, Zamfara, Jigawa, Yobe, Ebonyi, Bauchi, Sokoto, Kano, Bayelsa e Ondo con casi confermati di Neisseria Meningitis Type C (Nmc) riportato negli stati di Zamfara e Jigawa. E’ stata emessa una dichiarazione cautelativa per consigliare i nigeriani su come prevenire la diffusione della malattia.

La meningite cerebrospinale è una malattia stagionale che si verifica ogni anno in Nigeria, uno dei paesi africani nella cintura della meningite africana. Il CSM rimane una sfida importante per la salute pubblica, che colpisce 25 stati e il Federal Capital Territory (FCT) in Nigeria. Sebbene la malattia sia possa essere prevenuta con il vaccino, la Nigeria sperimenta esplosioni sporadiche di ceppi di meningite A e recentemente C.

La malattia è contagiosa e può essere trasmessa attraverso minuscole goccioline di secrezioni respiratorie da una persona infetta, durante il contatto ravvicinato, tramite tosse o starnuti. La meningite è più comune tra le persone di età inferiore ai 15 anni e le morti sono più elevate tra i casi non trattati.

Segni e sintomi includono febbre alta improvvisa, forte mal di testa, torcicollo, sensibilità alla luce, difficoltà di concentrazione e convulsioni. Ihekweazu ha affermato che i principali fattori di rischio per le infezioni includono il sovraffollamento e una scarsa ventilazione. Durante i focolai, le campagne di vaccinazione reattiva possono essere utilizzate per prevenire la diffusione della malattia.

Per prevenire la diffusione di CSM, NCDC ha offerto cinque importanti suggerimenti ai membri del pubblico:

• Evitare il sovraffollamento e garantire un’adeguata ventilazione domestica.

• Coprire naso e bocca con un tessuto monouso o soffiando nel gomito quando si starnutisce o si tossisce.

• Lavarsi spesso le mani soprattutto dopo aver tossito o starnutito.

• Visitare una struttura sanitaria se avete febbre alta improvvisa o rigidità del collo per la diagnosi e il trattamento.

• Si consiglia a tutti gli operatori sanitari di praticare le precauzioni di assistenza universale in ogni momento: indossare guanti durante la manipolazione dei pazienti o prestare assistenza a un parente malato.

Migranti e malattie infettive: il legame c’è eccome, ma non si puo’ dire

Condividi