Bimbo morto per circoncisione nel centro di accoglienza Arci, arrestato libico

Condividi

 

La Procura della Repubblica di Tivoli indaga per omicidio preterintenzionale nel caso della morte del bambino nigeriano in seguito a una circoncisione rituale a Monterotondo, Roma. Lo ha annunciato in una nota il procuratore Francesco Menditto, aggiungendo che l’uomo che ha operato il bambino e il fratello più grande, ricoverato all’ospedale Sant’Andrea dopo lo stesso intervento, è un cittadino americano di origini libiche, che è stato arrestato. (Il bimbo nigeriano è morto in un centro di accoglienza ARCI, ndr)

“Al fine di assicurare, nel rispetto del segreto investigativo, il diritto di cronaca costituzionalmente garantito, comunico le seguenti informazioni relative al grave e doloroso episodio verificatosi in data odierna nel circondario di Tivoli – si legge nella nota firmata dal procuratore – Quale Procuratore della Repubblica, anche per il risalto dato dai mezzi di informazione, non posso esimermi dal fornire alcune informazioni essenziali, pur essendo ancora in corso indagini. Nella giornata odierna personale del Reparto Volanti della Questura di Roma ha tratto in arresto, e tradotto nel carcere di Rebibbia, E.F., cittadino statunitense di origini libiche di 66 anni, ritenuto responsabile di aver praticato un’operazione di circoncisione su due fratellini nigeriani di due anni praticata all’interno di un appartamento dello SPRAL di Monterotondo”.



“Uno dei due bambini, trasportato presso l’ospedale S. Andrea di Roma, è deceduto per complicanze ancora da accertare, mentre l’altro è attualmente ricoverato in prognosi riservata – prosegue Menditto – Per accertare ogni dettaglio di questo tragico evento e le responsabilità delle persone coinvolte la Squadra Mobile di Roma, su direzione della Procura di Tivoli (in persona del PM di turno e del PM specializzato in reati di violenza di genere ai danni dei minori), ha svolto nell’intera giornata e sta svolgendo serrate indagini”.

“Nel corso della perquisizione presso l’abitazione di E.F. sono state sequestrati oggetti da cui si desume l’abitualità della condotta contestata. Il PM di Tivoli ha disposto l’intervento del medico legale per accertare, con precisione, le cause della morte del bambino. L’incarico sarà conferito domattina (oggi ndr). La Procura di Tivoli procede nei confronti di E.F. per omicidio preterintenzionale, lesioni gravissime ed esercizio abusivo della professione di medico, reati per i quali è in corso di redazione la richiesta di convalida e di emissione di misura cautelare al Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Tivoli”.

La Procura della Repubblica, con la collaborazione della Squadra Mobile di Roma, svolgerà tutte le indagini per accertare ogni dettaglio della vicenda. ASKANEWS



   

 

 



Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -