Protesta contro le tasse, gilet gialli anche a Taiwan

Hong Kong (CNN) Ispirate dal movimento francese, le proteste dei gilet di Taiwan dovrebbero continuare sabato ed i dimostranti anti-tasse si preparano a scendere in piazza.
Mercoledì scorso, i sostenitori della Lega delle riforme taiwanesi – indossando il gilet giallo – hanno marciato per la prima volta verso l’ufficio presidenziale di Taiwan nella capitale Taipei.

Una portavoce della lega ha detto alla CNN che la marcia era mirata a far pressione sul governo taiwanese per rendere il sistema fiscale più trasparente. Il gruppo ha anche protestato contro il ministero delle Finanze, per ciò che considera una politica ingiusta di riscossione delle imposte e per ritardare l’attuazione di accordi di esenzione fiscale.

La Lega delle riforme è stata fondata nel 2016 e da allora ha esercitato varie pressioni sul governo – ma gli organizzatori hanno detto che era la prima volta che indossavano dei giubbotti gialli.
“Siamo stati toccati dal movimento francese e abbiamo deciso di scendere in strada con i giubbotti gialli”, ha detto la portavoce Wang: “Speriamo che (il presidente di Taiwan) Tsai Ing-wen ascolti le lamentele della gente e faccia delle concessioni come Macron”.

Wang ha detto che la tassazione “ingiusta” ha scoraggiato le imprese straniere dall’investire sull’isola. La prossima protesta della lega avverrà sabato al quartier generale del Ministero delle Finanze a Taipei.
Il ministero non ha risposto a una richiesta di commento della CNN.

Condividi