Troppo dialogo con i cristiani, imam cacciato dal centro islamico di Trieste

Condividi

 

 

L’imam Nader Akkad ribadisce: La Comunità Islamica mi ha cacciato perchè ho promosso il dialogo interreligioso. Spunta la motivazione peggiore per cui l’imam di Trieste, è stato cacciato. Il responsabile Centro culturale islamico di Trieste e della Venezia Giulia è stato mandato via perché troppo dialogante con le altre religioni. Nell’intervista a Il Piccolo denuncia l’intolleranza dei suoi confratelli. Il religioso siriano, ingegnere, ex ricercatore dell’Ictp di Trieste, spiega in questi termini la rimozione dal ruolo di guida religiosa e di membro del direttivo.



«Mi cacciano perché cerco il dialogo. Mi rendo conto che c’è una difficoltà con qualcuno all’interno della comunità che non ha capito l’importanza del dialogo. So che è una strada in salita. Educare al dialogo interreligioso è molto importante. Purtroppo qualcuno mi ha messo i bastoni tra le ruote». E ancora: «So che la mia posizione è rafforzata all’interno della comunità, ma da chi non ha il diritto di voto. Rinnovo l’invito al direttivo di sostenere questa via, anziché ostacolarla».



   

 

 



Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -