La nuova legge tedesca sull’immigrazione è colonialismo allo stato puro

Oskar Lafontaine, il leader storico della sinistra tedesca, commenta la nuova legge sull’immigrazione fortemente voluta da CDU e SPD, scritta sotto dettatura delle associazioni dei datori di lavoro e il cui scopo è portare in Germania un’altra ondata di migranti economici a basso costo e con pochi diritti dai paesi extra-UE. Un ottimo Lafontaine dalla sua pagina FB

La nazionalista dell’occupazione
“Fare l’interesse tedesco significa pensare sempre anche agli altri…oppure uno appartiene a quelli che pensano di poter risolvere tutto da soli e quindi devono pensare solo a se stessi. Questo è nazionalismo nella forma più pura”, ha detto Angela Merkel oggi al Bundestag indirizzando le sue parole ad AFD.
Chi scava una fossa per gli altri, alla fine sarà lui stesso a finirci dentro. Questa saggezza popolare viene confermata ancora una volta da Angela Merkel. La Germania vende agli altri paesi piu’ beni di quanti non ne acquisti da quei paesi. La Germania pensa quindi prima di tutto a se stessa ed esporta disoccupazione. Questo è il motivo per cui la metà del mondo si lamenta per il nazionalismo dell’export tedesco.
Non impressionati da tutto ciò, l’economia tedesca da anni continua a lamentarsi a causa della presunta carenza di lavoratori qualificati. E apparentemente non sembrano essere infastiditi dal fatto che nel suo rapporto di giugno sulla “scarsità di manodopera specializzata” la Bundesagentur für Arbeit scriveva chiaramente: “in Germania non si può ancora parlare di una carenza generalizzata di manodopera qualificata”. Che succede allora? L’economia tedesca ha bisogno di manodopera a basso costo, che negli ultimi anni è arrivata dall’Europa, soprattutto dall’Europa dell’Est. Con la nuova legge sull’immigrazione potranno arrivare in Germania sempre piu’ “lavoratori specializzati” provenienti dai paesi in via di sviluppo.
A ottobre in Germania c’erano 2,2 milioni di persone registrate come disoccupate. Se si includono quelli che non compaiono nelle statistiche ufficiali – disoccupati di lunga durata sopra i 58 anni, quelli coinvolti in misure formative e quelli temporaneamente malati – si arriva a oltre 3,1 milioni di disoccupati.
Gli effetti devastanti del nazionalismo dell’occupazione tedesco sono evidenti nel settore sanitario. Già ora, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, in quasi la metà dei paesi del mondo non viene garantita nemmeno l’assistenza sanitaria di base. Gli scienziati dell’Università di Harvard hanno calcolato che nei paesi più poveri anche un solo medico in piu’ ogni 1.000 abitanti basterebbe a ridurre la mortalità infantile del 15% a medio termine e del 45% nel lungo termine. I paesi ricchi dovrebbero quindi fare in modo che vi sia più personale medico e non fare il contrario, cioè andare lì a reclutare medici e infermieri.
Questo vale anche per molti altri mestieri. I paesi poveri non hanno nulla di piu’ prezioso di una forza lavoro ben istruita. Ma ora il ricco nord del mondo vorrebbe derubare questi paesi, non solo delle materie prime, ma anche delle poche persone istruite. Questo è colonialismo nella sua forma più pura.
Molti parlamentari del Bundestag tedesco, di tutte le forze politiche, sostengono questo nazionalismo dell’occupazione, perché guardano solo agli interessi dell’economia tedesca. Non si accorgono affatto di ciò che stanno facendo alle persone provenienti dai paesi piu’ deboli d’Europa e del mondo. Oppure li rassicura il fatto che i lavoratori in questo modo potranno inviare denaro alle loro famiglie.
Come se non bastasse si danno anche una pacca sulla spalla per celebrare il loro umanesimo e internazionalismo.
Forse, dopo Macron, dovrebbero invitare a parlare Bernie Sanders: L’immigrazione dei lavoratori non aiuta né i più deboli nei paesi d’origine, né i più deboli nei paesi di arrivo“.

http://vocidallagermania.blogspot.com

Condividi