Angola, espulsi 380mila immigranti clandestini in un mese

Condividi

 

Circa 380.000 immigrati clandestini, per lo più dalla vicina Repubblica Democratica del Congo, hanno lasciato l’Angola in meno di un mese al termine dell’Operazione Trasparenza, per la lotta contro il contrabbando di diamanti: lo hanno annunciato fonti del governo locale.

Durante una visita a Dundo, nel Nord dell’Angola, al confine con la Repubblica democratica del Congo, il ministro di Stato e capo della Sicurezza presidenziale, responsabile dell’operazione, Pedro Sebastiao, ha detto ai giornalisti che diamanti per un valore di oltre un milione di dollari, sono stati sequestrati.



Secondo il ministro, i migranti hanno lasciato il paese volontariamente: 231 locali per il commercio illegale di diamanti sono stati chiusi e sono state sequestrate 59 armi. “Deve essere chiaro che l’operazione” Trasparenza “non è basata su sentimenti xenofobi nei confronti dei cittadini dei paesi vicini o di qualsiasi altra nazionalità”, ha affermato Sebastiao.

Eppure, dopo aver attraversato il confine nelle ultime settimane, molti congolesi hanno dichiarato di essere stati brutalmente espulsi dall’Angola dopo aver vissuto lì per più di 10 anni. (fonte askanews/afp)



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -