Si finge animalista per rimpinguare i conti personali con fondi pubblici

Condividi

 

REGGIO CALABRIA, 31 MAG – Avrebbe utilizzato fondi pubblici destinati alla cura e alla custodia dei cani per rimpinguare conti personali suoi e di suoi congiunti. Beni per un valore di oltre 100 mila euro sono stati sequestrati dai carabinieri forestali all’ex presidente della Lega nazionale per la difesa del Cane di Reggio Calabria, R.R.M., di 71 anni, accusata di malversazione, alla quale è stata notificata la misura cautelare dell’obbligo di dimora.

Coinvolti anche i suoi tre figli di 36, 46 e 47 anni. Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della Procura. Dalle indagini è emerso un ingiustificato esborso di denaro a favore dei figli della donna per l’apparente acquisto di beni e servizi da utilizzare per il mantenimento di un canile a Campo Calabro, di cui invece non vi era traccia fiscale. Già due anni addietro erano stati posti i sigilli al canile per le gravi carenze strutturali ed igienico sanitarie riscontrare, tali da fa scattare il reato di maltrattamento animali. ansa

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -