Carcere Genova: detenuto maghrebino si cuce la bocca per protesta

Condividi

 

GENOVA, 18 APR – Un detenuto maghrebino si è cucito la bocca con ago e filo per protestare per una richiesta respinta; un recluso sudamericano ha spaccato il lavabo del bagno della cella; due cellulari sotto le brande.

E’ la fotografia del carcere di Marassi, uno dei più sovraffollati d’Italia, contenuta nella denuncia di Michele Lorenzo, segretario ligure del Sappe. “A Marassi – scrive Lorenzo – si verifica anche il paradosso che da qualche tempo gli agenti non hanno acqua calda e i detenuti sì“.

Molti dei problemi, secondo il Sappe, sono causati dal sovraffollamento delle celle: invece di 516 detenuti ce ne sono 720, di cui oltre il 50% stranieri. Gli agenti invece sono sott’organico di 100 unità, anche se nessuno pone l’accento sui circa 70 poliziotti distaccati ad altre mansioni che risultano nella pianta organica di Marassi. “La risposta alle nostre istanze della giunta della Regione è stata la nomina del garante dei detenuti: non ne sentivamo l’esigenza”, dice Lorenzo. (ANSA)

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -