Donna uccisa a Napoli, aveva già denunciato il marito. Inutilmente

“Donne, denunciate”, predica la Boldrini. Ma è tutto inutile. La lotta alla violenza sulle donne, a quanto pare, non esiste.

Una donna di 31 anni è stata uccisa a Terzigno (Napoli), in via dei Pini, nei pressi di una scuola. Da una primissima ricostruzione, la 31enne aveva appena accompagnato la figlia dentro l’istituto, poi all’uscita avrebbe iniziato a parlare e a discutere animatamente con il marito che, al culmine della lite, avrebbe estratto una pistola e le avrebbe sparato un colpo alla testa.

Immacolata Villani aveva già denunciato il marito, Pasquale Vitiello, ai carabinieri per averla picchiata. I due non vivevano più assieme dal 4 marzo, data in cui un diverbio in presenza della figlia sfociò in una lite fatta di calci e spintoni, cui avrebbe preso parte attivamente anche la suocera della vittima. Alla querela della vittima, fece seguito una controquerela presentata dalla suocera.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -