Lorenzo Crespi accusa la Rai: “Un posto al sole controllata dalla Camorra”

Lorenzo Crespi è tornato a far parlare di sé. Ora l’attore alza il tiro e sui social punta il dito niente meno che contro la Rai, denunciando presunti legami tra la tv di Stato e la mafia. Nel dettaglio, si è riferito alla celebre fiction Un posto al sole, secondo Crespi controllata dalla Camorra.

L’attore scrive che l’ombra della Camorra era già presente nella trasmissioni Canzoni e sfide e Ti lascio una canzone. Nel primo caso, Gaetano Marino, boss degli Scissionisti, figurava tra il pubblico mentre sua figlia cantava un brano a lui dedicato. Nel secondo invece, il capoclan Domenico Ferrara aveva acquistato 300 cellulari per favorire attraverso il televoto la figlia Vania.

Dunque, la cannonata contro Un posto al sole. Il tweet in questione recita: “Sono più di vent’anni che Raitre in modo legale passa lo stipendio alla camorra, attraverso Un posto al sole, gestito totalmente da loro. Queste cose non dovrei urlare io, vergogna“. Parole pesantissime e di cui, probabilmente, dovrà rendere conto.

Di seguito, un altro dei tweet pubblicati da Crespi contro la Rai:

www.liberoquotidiano.it

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -