Oms: “Sul rischio tumori da cellulare non ci sono prove certe”

Un “gran numero di studi sono stati condotti negli ultimi vent’anni per capire se l’uso del telefonino rappresenta un rischio potenziale per la salute umana. Ma al momento non sono stati provati effetti avversi” provocati dall’impiego del cellulare. Lo ricorda l’Organizzazione mondiale della sanità, precisando che gli studi finora hanno indagato gli effetti dei campi a radiofrequenza su attività elettrica del cervello, funzione cognitiva, sonno, battito cardiaco, pressione e tumori. Un tema caldo alla luce della sentenza di Ivrea, che ha riconosciuto un nesso causale tra l’uso prolungato del cellulare e il tumore al cervello. Ebbene, l’Oms ricorda che il gruppo di esperti dell’International Agency for Research on Cancer (Iarc) dell’Organizzazione mondiale della sanità ha classificato nel 2011 i campi elettromagnetici a radiofrequenza quali “possibili cancerogeni” per l’uomo (gruppo 2B).

Il gruppo di lavoro – 31 scienziati di 14 Paesi – aveva concluso che l’analisi dell’uso dei telefoni cellulari per oltre 10 anni non aveva dimostrato un aumento del rischio di glioma o meningioma, ma per gli esperti Oms c’erano “alcune indicazioni di un aumento del rischio di glioma” per i super-utenti che stanno per ore e ore al giorno al telefonino.

Le evidenze al momento disponibili, precisava la Iarc, sono limitate a queste due neoplasie. “Stiamo ancora indagando – puntualizzava all’epoca il coordinatore del comitato, Jonathan Samet della University of Southern California – Finora i dati sono sufficienti a classificare i campi elettromagnetici a radiofrequenza come agenti cancerogeni di gruppo 2B”, ossia “potenzialmente cancerogeni per l’uomo”.

Ciò significa che potrebbero esserci rischi legati all’uso dei cellulari, ma che occorre continuare a monitorare con attenzione il legame fra telefonini e tumori. Nell’attesa di ulteriori dati, la raccomandazione degli esperti Iarc era quella di ridurre l’esposizione ai campi elettromagnetici a radiofrequenza, per esempio utilizzando gli auricolari o preferendo gli sms alle telefonate.

Una raccomandazione ribadita dall’Oms, che sottolinea l’aumento in questi anni dell’uso del telefonino, anche da parte di gruppi vulnerabili come ad esempio i giovanissimi. L’Oms evidenzia inoltre l’importanza di ulteriori ricerche sugli effetti dell’uso del cellulare per periodi maggiori ai 15 anni e il rischio di tumori al cervello, precisando che sono in corso indagini su bambini e adolescenti.

“Al momento nessuno studio suggerisce una evidenza consistente di eventi avversi per la salute dall’esposizione” alle onde dei telefonini, ricorda infine l’Oms, concludendo anche che gli studi sugli animali non hanno mostrato un “aumento di rischio di tumori dall’esposizione a lungo termine”. ADNKRONOS



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -