Migrante suicida nel Canal Grande, il Comune di Venezia pagherà i funerali

MIGRANTE-SUICIDA

Alle spese per il funerale di Pateh Sabally, il ghanese che domenica scorsa ha perso la vita dopo essersi gettato nelle acque del Canal Grande (VIDEO), si è dichiarato disponibile a provvedere il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, attingendo al ‘Fondo di solidarietà’ del Comune, alimentato dall’intero importo della propria indennità di primo cittadino.

“E’ un gesto di rispetto di Venezia verso Pateh Sabally e i suoi sogni infranti – dichiara il sindaco Brugnaro -. La morte di questo giovane ha lasciato in tutti noi un sentimento di tristezza e di umana pietà verso chi, di fronte alle avversità della vita, non trova più la forza di reagire alla disperazione”.

4.000 suicidi l’anno in Italia, con la crisi +12% fra lavoratori

“Si è trattato di un gesto di disperazione personale e ancora una volta è necessario stigmatizzare chi fa polemiche e sciacallaggio sulle tragedie ma anche testimoniare con forza che la pietà per la persona umana rimane immutata, degna di essere sempre rispettata”, spiega.

“Alla politica ‘buonista’ voglio altresì ricordare che non si possono continuare ad alimentare le speranze di mezzo mondo di venire in Italia. Bisogna che tutti si rendano conto dell’impossibilità, per il nostro Paese, di continuare a gestire un tale fenomeno di massa come si è fatto finora. Bisogna capirne le implicazione future – conclude Brugnaro – soprattutto le tragedie e le sofferenze che vengono subite da queste persone”. ADNKRONOS



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -