In chiesa si registrano i “profughi”, fedeli invitati a pregare in silenzio o andarsene

 

VENTIMIGLIA (IMPERIA), 4 GIU – Sono iniziate nella chiesa di Sant’Antonio, a Ventimiglia, le operazioni di registrazione dei migranti da parte del personale della Caritas.

Migranti: registrazioni in chiesa a Ventimiglia
Per affrontare il maggior numero di migranti nella città di confine (400-600) la Caritas ha deciso di accogliere in parrocchia, solo coloro che accetteranno di farsi registrare e che quindi sono intenzionati ad ottenere lo stato di profugo (e per i quali la Carita$ riceverà 35 euro al giorno – mercanti nel tempio).

Alcuni operatori dislocati in diversi banchetti stanno intervistando i migranti: chiedendo loro da dove provengono e dove sono sbarcati. La registrazione è un modo per gestire meglio i migranti e nulla ha a che vedere con l’identificazione da parte delle forze dell’ordine. Secondo la Caritas sono stati circa 600 i pasti distribuiti oggi.

Alcune fedeli entrate in chiesa per recitare il rosario sono state invitate dai volontari Caritas a pregare in silenzio. Una fedele ha risposto “Portate i migranti in un’altra chiesa”. Poi è arrivato il parroco, don Rito, che ha accompagnato le donne in un altro luogo di culto. con fornte Ansa

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

2 Commenti per “In chiesa si registrano i “profughi”, fedeli invitati a pregare in silenzio o andarsene”

  1. “Ufficio di collocamento”per clandestini.

  2. L’avessero detto a me non mi avrebbero più visto in chiesa, dal momento che disturbo i clandestini… Questo è un brutto precedente.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -