Usura, indagati ex vertici Unicredit: speculazione “brutale, divorante e famelica”

 

alessandro_profumo-unicreditUnicredit ha messo in atto una speculazione “brutale, divorante e famelica” ai danni di Giuliano Besson: l’osservazione è contenuta in una delle querele, consegnate nel 2014 dall’ex campione azzurro di sci alla procura di Torino, che hanno portato a un’inchiesta chiusa nei giorni scorsi.

Fra i 5 indagati di usura c’è l’ex amministratore delegato Alessandro Profumo. Le persone offese, secondo quanto si apprende, sono quattro. Il pm Cesare Parodi ha notificato i provvedimenti e ha cominciato a mettere gli atti a disposizione delle parti. Besson si è rivolto alla magistratura subalpina facendosi assistere dell’avvocato Biagio Riccio, di Cardito (Napoli). Le sue denunce si riferiscono ai rapporti con l’istituto di credito – non coinvolto come persona giuridica – all’epoca in cui avviò un’azienda di abbigliamento sportivo a Sauze d’Oulx (Torino): lamentava non solo finanziamenti a tassi che hanno superato il limite consentito, ma anche la sottoscrizione di contratti derivati senza informazioni adeguate.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -