Napoli, incendiata casa della compagna del presunto assassino di Fortuna

 

Svolta nell’inchiesta sull’omicidio della piccola Fortuna Loffredo, di soli sei anni, avvenuto il 24 giugno 2014 nel Parco Verde di Caivano, nel Napoletano: è stata gettata dall’ottavo piano dal presunto “orco” che abusava da tempo di lei, il vicino di casa Raimondo Caputo, perché si era rifiutata di subire l’ennesima violenza. Lo ha ricostruito la Procura di Napoli Nord che per quasi due anni si è scontrata con un muro di omertà che ha protetto dall’interno dello stabile il 44enne Caputo, compagno della vicina di casa della piccola vittima. ANSA

Fortuna-Loffredo

Un gruppo imprecisato di persone, si vocifera che si tratti di donne residenti nel Parco Verde, ha incendiato l’abitazione di Marianna Fabozzi, la compagna di Raimondo Caputo, dove probabilmente si verificavano solitamente le violenze ai danni dei bambini della zona, fra cui Fortuna Loffredo.  Bimba precipitata dal balcone e muore; perizia: “subì abusi sessuali cronici”

Gli animi nel Parco Verde sono molto accesi, dopo la svolta nelle indagini, culminata con l’arresto per violenza sessuale e omicidio, Raimondo Caputo, compagno della vicina di casa di Fortuna, Marianna Fabozzi.

L’uomo era già in carcere insieme alla compagna da novembre 2015. I due, allora, furono fermati con l’accusa di violenza sessuale su una ragazzina di 12 anni.

Anche il figlio della donna, Antonio, morì in circostanze sospette e si pensa che i bimbi uccisi possano essere finiti in una rete di pedofili che operava proprio nel Parco Verde di Caivano.

napolitoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -