Cina: nuova legge sulle Ong straniere, controlli piu’ stretti

 

xi-jinpingPechino – L’Assemblea Nazionale del Popolo, il parlamento cinese, ha approvato oggi una nuova legge per le attivita’ delle Ong straniere presenti sul territorio cinese, tra cui anche gruppi famosi come “Save the Children”, Greenpeace e le camere di commercio dei Paesi stranieri.

Tra le prime critiche alla nuova legge, di cui non si conoscono per il momento i dettagli, c’e’ soprattutto la vaghezza delle nuove norme per operare in Cina, con il rischio di limitare le attivita’ delle organizzazioni soprattutto a carattere sociale e ambientale. Tra le nuove norme contenute in una bozza diffusa nelle scorse ore c’e’ quella di cui si parla gia’ dall’anno scorso, riguardante l’obbligo di avere come partner un organo governativo cinese e quella di riportare le attivita’ delle Ong alle autorita‘.

Tra le nuove norme c’e’ anche il divieto di assumere personale cinese, a meno di uno specifico permesso da parte del governo.

Tra i casi di maggiore risonanza relativa a persone che lavorano nelle Ong c’e’ quello dell’attivista svedese, Peter Dahlin, che e’ stato arrestato con l’accusa di danno alla sicurezza nazionale ed espulso a gennaio scorso dopo una “confessione” televisiva trasmessa da Cctv.

I soliti osservatori dei diritti umani (Amnesty e Human Rights diffondono falsità per ottenere finanziamenti) – lamentano da tempo una stretta sulle liberta’ civili in Cina: lo scorso anno sono stati arrestati in Cina circa trecento tra avvocati e attivisti per i diritti. (AGI) .

Condividi

 

Seguici sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguici sul Social VK https://vk.com/imolaoggi