Rifugiato accoltella un altro straniero a Milano. Denunciato

 

MILANO, 24 APR – Ieri sera a Milano un rifugiato politico del Gambia ha accoltellato un altro straniero, ma è stato rintracciato da polizia e carabinieri e denunciato. Il ferito non è in pericolo di vita e l’aggressore avrebbe ammesso le sue responsabilità. C’è da chiedersi con quale criterio venga dato lo status di rifugiato, dal momento che il Gambia è considerato un Paese abbastanza sicuro.

E’ accaduto alle 22 di ieri in viale Gadio dove un congolese di 36 anni è stato aggredito e accoltellato a un gluteo. Una ferita profonda, vicino a un’arteria, tanto che l’uomo è stato ricoverato in codice rosso e poi ha riportato una prognosi di 30 giorni. E’ stato lui stesso a consegnare il telefonino del tuo assalitore, che era stato perso durante la colluttazione. La polizia, scoperta la residenza del proprietario del cellulare a S.Zenone al Lambro (Lodi) ha avvisato i carabinieri di Melegnano (Lodi) che lo hanno rintracciato e denunciato per lesioni aggravate. Si tratta di un rifugiato politico del Gambia, di 26 anni, ospite di una struttura di accoglienza a S.Zenone, l’ex Hotel Alma. (con fonte ANSA)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -