Rissa cannibale nel centro di accoglienza, immigrati si strappano la carne a morsi

 

Nella notte sette immigrati ospiti del centro di accoglienza di Sorso (Sassari) sono stati i protagonisti di una violenta rissa “cannibale”.

rissa2“Il Vivaio” è un centro di accoglienza che ospita un centinaio di profughi che spesso protestano contro le istituzioni perché rivendicano migliori servizi. Questa notte, però, alcuni immigrati originari del nord Africa hanno inscenato una rissa tra di loro. Durante la cena, sette ospiti hanno avuto una discussione in merito alla spartizione del cibo. Il mediatore culturale presente nella struttura, non riuscendo a placare la furia degli stranieri, ha chiesto aiuto alle forze dell’ordine.

I profughi hanno iniziato a discutere perché ritenevano che alcuni di loro avessero più cibo nel piatto. Ma in breve tempo, la situazione è degenerata in un vero e proprio massacro. Gli immigrati, infatti, hanno iniziato a colpirsi violentemente con bastoni, mattoni e addirittura con le seghe dentate. Poi, due uomini, trovando queste armi troppo poco efficaci, hanno cominciato a strapparsi la carne a morsi.

I carabinieri, una volta entrati a “Il Vivaio”, hanno trovato un pezzo di lobo auricolare a terra e altre parti del corpo sparse nella struttura. Il centro di accoglienza è stato distrutto in gran parte e gli arredamenti sono stati pesantemente danneggiati. I sette stranieri sono stati arrestati con l’accusa di rissa aggravata. IL GIORNALE



   

 

 

1 Commento per “Rissa cannibale nel centro di accoglienza, immigrati si strappano la carne a morsi”

  1. A tanta integrazione sono mancanti i tagliatori di teste del borneo.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -