Madre islamica perdona il marito che uccise la figlia “Non fu un delitto religioso”

hina

BRESCIA – “Vivere senza Hina sarà per sempre il mio più grande dolore, ma mio marito era e resta l’uomo della mia vita. È giusto che paghi per quel che ha fatto però io l’ho perdonato e non lo abbandonerò mai”. A parlare è Bushra, madre di Hina, la 22enne pachistana uccisa dal padre Mohammed Saleem l’11 agosto 2006 a Sarezzo, nel Bresciano. È giusto che paghi per quel che ha fatto però io l’ho perdonato e non lo abbandonerò mai“, ha aggiunto la donna.

Come riporta il Corriere, Bushra ricorda con dolore quei giorni tragici: “All’inizio ce l’avevo con il mondo intero, con la vita. Pensavo: perché sta succedendo tutto questo? Perché proprio a me e alla mia famiglia? Poi ho capito. Era tutto già scritto”.

“Non fu un delitto religioso” - Il padre Mohammed uccise Hina a coltellate e la seppellì nel giardino di casa con la complicità di due parenti. Il caso passò alle cronache come un delitto per “motivi religiosi”: la colpa della giovane era quella di “vestire all’occidentale”, si disse. Ma la madre di Hina, – PER GIUSTIFICARE IL MARITO, ndr – è convinta che non sia così. “Mia figlia è diventata il simbolo di una storia di integralismo che non è mai esistito. Mio marito è sempre stato un uomo buono e un padre esemplare, mai una volta ci ha obbligato a fare qualcosa”.

La condanna – Il processo di primo grado, concluso con rito abbreviato il 14 novembre 2007, si è concluso con la condanna del genitore e dei due cognati a trent’anni di carcere per “omicidio volontario (aggravato dalla premeditazione e dai motivi abietti) e distruzione di cadavere”. «Perché voleva vivere e vestire all’occidentale», si disse, «per motivi religiosi», «perché lei rifiutò di andare in Pakistan a sposare uno sconosciuto».

La storia di Hina – Più di una volta, in passato, Hina aveva avuto forti dissapori con la famiglia, arrivando anche a scappare di casa e a firmare, il 4 marzo 2003, una denuncia per maltrattamenti e abusi. Altre due denunce verranno fatte negli anni seguenti ma, al momento del processo, la ragazza non se la sentì mai di confermare le accuse. Per questo, era scattata automaticamente a suo carico una denuncia per calunnia, dalla quale venne assolta solo dopo la morte. ADNKRONOS


 


TI PIACE IMOLAOGGI?

è on line senza banner pubblicitari, sponsor o click bait
VUOI SOSTENERCI?
Il Tuo contributo è fondamentale, ecco come puoi farlo!

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal



 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -