Islam: in Brunei “cinque anni di carcere a chi festeggia il Natale”

“Cinque anni di carcere a chi festeggia il Natale”. Il sultano del Brunei Hassanal Bolkia ha deciso che anche quest’anno, nel piccolo stato del Borneo, il 25 dicembre si dovrà rispettare la legge coranica: “Niente croci o addobbi sugli alberi”. Se fuori dalla sua nazione Hassanal Bolkian ama i lussi occidentali e per questo è spesso a Londra, al rientro in patria il sovrano si rivela più intransigente sulla sua religione.

BRUNEI SHARIA

Dopo aver reintrodotto la sharia nel 2014, il sultano del Brunei a gennaio aveva annunciato che avrebbe bandito i festeggiamenti natalizi nel 2015. E infatti quest’anno, come riporta il Daily Telegraph, il 25 dicembre i cittadini non potranno “indossare simboli come croci, accendere candele, addobbare alberi di Natale, cantare inni religiosi o mandare auguri, montare decorazioni”. Chi non è musulmano potrà santificare la natività ma solo all’interno della propria comunità e dopo aver avvisato le autorità e aver spiegato cosa intendano fare.

Il ministro degli Affari Religiosi del Brunei, di cui circa il 65% della popolazione è di religione islamica, ha spiegato che il divieto di festeggiare il Natale è un modo per “preservare il credo della comunità musulmana”. Spesso, durante i festeggiamenti natalizi, bambini o anche adulti musulmani indossano cappelli da Babbo Natale e nella nota diffusa a gennaio si legge che “dovrebbero stare attenti perché queste celebrazioni non sono legate al’Islam e potrebbero danneggiare la loro fede”.

Che cosa è il Brunei >>>>  “come una vacca da mungere virtuale per le operazioni occulti o palesi degli Stati Uniti”. Brunei è stato coinvolto in operazioni che “velatamente sostenevano i Contras del Nicaragua durante l’amministrazione Reagan e contribuiva al finanziare il Defense Fund I collegato alla CIA in Bosnia nel 1990, per il continuo flusso di tonnellate di denaro nella Fondazione di Bill Clinton e nella Biblioteca a Little Rock, in Arkansas.


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal





   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -