Don Gianni: “Apro un ristorante solo per italiani in difficoltà”

 

Posted by Mara Bizzotto on Mercoledì 16 settembre 2015

 

Don Gianni Aiazzi in poche ore è diventato famoso dopo essere stato intervistato dalla trasmissione “Dalla vostra parte” di Rete 4, condotta da Paolo Del Debbio.  Il parroco di Carpenedo (Veneto), si è detto pronto ad aprire un ristorante per gli italiani in difficoltà. Si mangia con un un euro. Ma il pranzo sarà servito esclusivamente agli italiani. Insomma niente migranti o clandestini che già vengono aiutati dalle organizzazioni umanitarie nazionali e sovranazionali.

“La cosa che gli italiani hanno imparato è la dignità per la propria famiglia, mi sembra che queste persone non facciano come gli stranieri che chiedono, questi vivono in silenzio il proprio problema”, ha detto il parroco davanti alle telecamere.

Scrive Il Giornale:

per i profughi don Gianni ha trovato delle abitazioni. Gli italiani hanno altre difficoltà, prima tra tutte quella di riuscire a mettere un boccone in bocca.

Ovviamente, oltre agli apprezzamenti, non sono mancate le solite banali polemiche e le accuse di discriminazione da parte degli xenofili, che mai si sentono quando i clandestini vengono alloggiati in hotel, mentre gli italiani poveri vivono in strada, in auto o in tenda.

Invece Mara Bizzotto (lega nord) che ha postato il video su don Gianni sul suo profilo Facebook, ha scritto “PRIMA la nostra gente, NON i clandestini!!! L’esempio positivo di Don Gianni: prima diamo AIUTO e DIGNITÀ alle nostre famiglie in difficoltà e solo DOPO agli extracomunitari!”

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -