Gender a scuola, nelle sale professori arriva il trattato sull’«identità sessuale»

 

Mentre infuria la polemica sulla Buona Scuola e l’introduzione della teoria gender nelle aule, ieri, via Internet, un insegnate ha garbatamente fatto presente che, negli istituti scolastici, un saggio orientativo sull’argomento è già entrato. Si tratta di: «Identità sessuale: un’assenza ingiustificata. Ricerca, strumenti e informazioni per la prevenzione del bullismo omofobico a scuola», firmato da Federico Batini, Loescher Editore, distribuito gratuitamente.

GENDERIl tweet in questione recita semplicemente: «Ministro @SteGiannini, lei minaccia querele. Cos’è allora questo testo in sala professori?» e mostra la copertina del libro in questione. Il messaggio è firmato da un insegnante di informatica calabrese: Giovanni Pecora, molto attivo nel settore dei movimenti della difesa della vita. Il tweet è piaciuto ed è stato ripreso da moltissime persone, con numerosi re-tweet di politici. Tra questi Francesco Storace, Mario Adinolfi, Matteo Salvini e tanti altri, con studiosi e associazioni di ispirazione cattolica.

«Il libro, senza voler entrare nel merito del testo – spiega Pecora – è a disposizione degli insegnanti nelle sale dei professori, in Calabria come nel resto d’Italia. La Loescher è la più grande casa editrice di testi scolastici e questo è un progetto editoriale che ha già raggiunto le scuole. In più il libro può essere scaricato gratuitamente via Internet».

Questo, secondo Pecora, è decisamente in contrasto con quanto affermato nella circolare ministeriale dello scorso martedì e che dichiara chiaramente: «Tra i diritti e i doveri e tra le conoscenze da trasmettere non rientrano in nessun modo né “ideologie gender” né l’insegnamento di pratiche estranee al mondo educativo».

BUFERA SULLE FAMIGLIE
Pure il principe di Biancaneve è diventato gay

A pensarla così Pecora non è certo solo: «Il ministro Giannini ha ribadito che la teoria gender non rientra nei programmi scolastici – ha affermato il deputato di Ap Alessandro Pagano – Ne prendiamo atto, ma sgombriamo il campo da altri equivoci, la vera truffa è di chi sostiene che la teoria gender non esiste: esiste ed è un problema che non riguarda solo la scuola. Minacciare di “passare a strumenti legali” non è certo il modo migliore per rasserenare il clima». E ancora: «Certo – prosegue il parlamentare – non è la “Buona scuola” il passepartout per la diffusione della teoria gender, ma può esserne un implicito strumento che, attraverso l’impegno e la battaglia portati avanti in questi mesi da associazioni di genitori e famiglie, docenti, sociologi e parlamentari, stiamo cercando di arginare».

Il testo in questione: «Identità sessuale: un’assenza ingiustificata», fa parte della collana I Quaderni della Ricerca della casa editrice Loescher, «monografie pensate come contributo d’autore al dibattito culturale e pedagogico italiano. I temi affrontati sono quelli di più stringente attualità, per gli operatori della scuola». L’autore, Federico Batini, è ricercatore e professore aggregato di Metodologia della ricerca in educazione e di Pedagogia sperimentale all’Università di Perugia. Dirige la rivista «Lifelong Lifewide Learning». Questo suo saggio lo scorso anno è stato selezionato per il Premio Nazionale Divulgazione scientifica dell’Associazione italiana del libro.

Antonio Angeli   per IL TEMPO

Una LISTA LUNGHISSIMA di PROGETTI GENDER nelle SCUOLE >>>>

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -