Profughi anche nella casa per ragazze madri, scoppia la rissa

Livorno – Così dicevano qualche giorno fa  Venusia De Martino e Chiara Bosi, due delle donne che vivono nella Casa Famiglia «Il Melo» in via Caduti del Lavoro

La struttura può accogliere solo mamme con bambini o in maternità ma da lunedì ospiterà anche cinque ragazzi immigrati minorenni. «Noi – spiegano – dobbiamo sottostare a un regolamento. Abbiamo firmato un contratto e dobbiamo rispettare delle regole. Abbiamo degli orari e determinati compiti». Maurizio Onorati, che è il fidanzato di una delle due ragazze, per esempio, non può girovagare per l’edificio liberamente ma può incontrare la sua fidanzata solamente in una sorta di sala d’attesa. «Ci hanno detto che hanno 17 anni e che non parlano italiano. Ammettendo che siano veramente minorenni, ci sembra assurdo che debbano venire qui. Non sappiamo chi sono, non sappiamo cosa faranno e soprattutto non riusciremo a comunicare con loro». La principale preoccupazione, però, riguarda la sistemazione all’interno dell’edificio.

«La struttura non ha divisori. Siamo tutte donne, perciò non abbiamo nemmeno le chiavi di camera. Il bagno è in comune, così come la cucina e le varie stanze. Come facciamo a dormire tranquille sapendo che si aggirano liberi per la casa degli uomini che non conosciamo?».

Avevano ragione . secondo quanto è stato denunciato su Facebook da alcune ragazze madri ospiti di un’ala della struttura, nell’altra ala che ospita cinque profughi, tra due di questi sarebbe nata una violenta lite. Tanto che le educatrici hanno chiamato la polizia e (per precauzione) hanno chiuso le mamme in cucina per evitare un contatto. Poi, grazie al lavoro delle forze dell’ordine, la situazione è tornata normale.

Fonte la nazione



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -