Islam, Turchia: voleva partecipare a un talent, parenti sparano a una 19enne

Una ragazza di 19 anni è stata ricoverata in condizioni critiche in un ospedale del sud-est della Turchia dopo essere stata presa di mira da colpi di arma da fuoco sparati probabilmente da familiari, che volevano punirla per la sua partecipazione a un talent show. Come riporta il sito del quotidiano Hurriyet, Mutlu Kaya, questo il nome della ragazza, è stata raggiunta in casa da alcuni colpi sparati dal suo giardino durante la notte, in una cittadina nella provincia di Diyarbakir. Gli spari l’hanno colpita alla testa.

turchia-Mutlu-Kaya

Nelle scorse settimane Kaya aveva partecipato alle preselezioni per un talent trasmesso dalla tv di stato. Con la sua esibizione aveva impressionato Sibel Can, famoso cantante turco, che lo scorso 30 marzo era andato a Diyarbakir, presso la mensa scolastica dove lavora la ragazza, per chiederle di partecipare alle fasi successive della gara. Ma nei giorni seguenti Kaya ha cominciato a ricevere minacce di morte da parte di esponenti della tribù del padre.

“Quando hanno sentito che avrei partecipato alla gara – ha raccontato alla produzione del programma televisivo, come riporta il quotidiano locale Posta – hanno cominciato a dire che mi ammazzeranno. Ho paura”. Ora la ragazza è ricoverata a Diyarbakir e le sue condizioni sono critiche.

Delitti d’onore e femminicidi sono una vera e propria piaga in Turchia. Secondo la piattaforma Stop Women Homicides, nel 2014 sono state uccise 294 donne turche, nel 47% dei casi per aver voluto prendere decisioni in modo indipendente. Nel 2015, il numero di donne uccise in Turchia è già a quota 91.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -