L’Arabia Saudita comprera’ un ordigno atomico dal Pakistan

 

La possibilita’ di un intesa entro il 30 giugno sul programma nucleare iraniano sembra aver dato il via alla corsa all’atomica nel Golfo Persico. Secondo quanto riferiscono fonti dell’intelligence Usa, riportate dal Sunday Times e citate oggi dall’Independent, l’Arabia Saudita, culla del wahabismo (l’interpretazione piu’ rigida dell’Islam sunnita), dopo molti tentennamenti, avrebbe rotto gli indugi e si appresterebbe ad acquistare dal Pakistan un’ordigno atomico gia’ pronto e funzionante, per trovari un passo avanti a Teheran.

“C’e’ un accordo da lungo tempo con i pakistani (sulle armi nucleari) e la Casa dei Saud (la famiglia regnante saudita, ndr) ha ora preso la decisione di procedere”, ha riferito un’anonima fonte del Pentagono. Questo per contrastare quella che a Riad, e nelle petromonarchie sunnite del Golfo (ed in Israele), percepiscono come la primaria minaccia alla loro sopravvivenza: l’Iran sciita potenza atomica.

Riad, come piu’ volte preannunciato, riscuoterebbe cosi’ il credito che vanta con Islambad per gli ingenti investimenti (miliardi di dollari) che fece negli anni ’70′ nel programma nucleare pakistano (nato per contrastate l’atomica indiana), Paese sunnita, legato cosi’ tanto all’Arabia Saudita, da essere uno dei 10 Paesi della coalizione contro i ribelli sciiti Houthi (sostenuti da Teheran) in Yemen, nonostante si trovi a miglia di km di distanza dall’area. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -