EXPO 2015: “La città di Milano sia considerata come l’Afghanistan”

tendopoli-militari-expo

 

BILELLO (COCER INTERFORZE): “I militari hanno più dignità all’estero e non a Milano”. Prosegue BILELLO: I militari a Milano patiscono enormi problemi logistici “tende da campo”, all’interno delle quali si avvertirebbero “circa 40 gradi di giorno e 10 di notte” con servizi igienici “insufficienti e in condizioni poco dignitose” con foto che tempestano gli organi di stampa per il loro crudo ed eloquente contenuto e non considerando anche la differenza di trattamento con i colleghi di altre forze di polizia .

Tali incredibili condizioni sono state denunciate da vari organi di stampa e sono stati oggetto di sindacato ispettivo al Senato della Repubblica. Continua BILELLO: “Queste condizioni non sono verificabili all’estero tranne avamposti estremi da altre parti vengono utilizzati i più dignitosi moduli abitativi, di contro a Milano, In Italia nel 2015 per una manifestazione programmata da anni si ritrovano tali condizioni.
Per questi motivi, si chiede che Milano per i militari sia considerata almeno come l’Afghanistan, altro che benessere del personale militare

Un militare intervistato da liberoQuotidiano, ha dichiarato:

“”In circa 400, siamo stati posizionati a Bellinzago Novarese, a circa un’ora e mezza di strada dall’Expo e qui dovremmo rimanere fino al termine dell’evento, ci sono altri militari dislocati in altri accampamenti, mentre altri ancora, hanno trovato una sistemazione in caserma anche se con difficoltà per i posti limitati. Facciamo turni sulle 24 ore – afferma il militare – e a causa della distanza (un’ora e mezza) spesso si rimane senza pranzo e/o senza cena. Per recarci sul posto di servizio, dobbiamo prepararci con largo anticipo, e visto che la mensa di giorno è aperta dalle 12:00 alle 14:00, o prima di intraprendere il nostro turno alle 13:00, o quando si termina allo stesso orario, causa anche il traffico, nel primo caso si è troppo in anticipo, nel secondo si arriva tardi, in ogni caso la mensa è chiusa e ci si arrangia col pranzo al “sacco”, dove troviamo qualche fettina di pane, scatolette e merendina..[…]”



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

urss Uno dei principi cardine del globalismo elitario è: fine dei confini e delle nazioni
Aprire i confini, lasciare che i territori nazionali siano inondati da migranti. “sostituire le popolazioni”, flussi di gente che non ha la minima intenzione di accettare costumi e stili di vita in voga nelle loro nuove case.

separator

papa-francesco-e-benedetto-xvi

Nel 2005 Bergoglio attaccava Benedetto XVI per le dichiarazioni sull’islam
Nel 2005, quando Papa Benedetto XVI, citando un testo medievale,  ha dichiarato che il profeta Maometto, fondatore della fede islamica, è stato “cattivo e disumano”, ha fatto infuriare la popolazione musulmana.
..

mogheriniLe pericolose frequentazioni di Federica Mogherini
«E poi quando mi dicono che la Mogherini è inesperta gli dico di chiedere cosa ne pensa Kerry». Quando il presidente del consiglio Matteo Renzi rispose in questo modo durante una conferenza stampa in tanti pernsarono a una richiesta di referenze rivolta al segretario di Stato Usa. In realtà c’era di più

crolloRipresa Usa? Bugie: le statistiche sono truccate. Gli Usa sono in recessione costante
Ci raccontano che l’America di Obama ha superato la crisi del 2008 crescendo del 4,6% all’anno? Falso: ricalcolando i dati senza i filtri convenzionali delle statistiche, dice Giuseppe Masala, scopriamo che anche gli Usa sono in recessione costante

separator

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -