Soros, il sicario economico miliardario che non paga le tasse

soros3

 

di Andrea Giacobino

George Soros, re degli hedge fund, è uno di quei finanzieri che piacciono molto alla sinistra internazionale e, ovviamente, a quella italiana. Non a caso, quando può, “Repubblica” intervista l’84enne magnate ungherese di origine ma ormai basato fra Londra e New York, sui grandi temi economici e politici.

Come ogni buon finanziere progressista, poi, Soros adora parlare di tasse e della necessità che persino i grandi ricchi ne paghino di più. In questo si allinea ad un altro tycoon americano, Warren Buffett.
E’ quindi sorprendente scoprire che Soros, in realtà, si fa beffe allegramente dell’erario perché usufruisce a piene mani del meccanismo delle “tasse differite” di cui godono i fondi hedge, anche noti come gestori alternativi. Alla fine del 2013, infatti, la Soros Fund Management, cuore dell’impero del finanziere e che come altri gruppi di gestione è basata in Irlanda, ha messo da parte oltre 13,3 miliardi di dollari di tasse differite.

Il Congresso americano ha puntato il dito contro questo marchingegno e ha chiesto agli hedge fund manager di saldare il conto col fisco Usa entro la fine del 2017. Se il business di Soros infatti fosse basato a New York (dove vive e risiedono molti dei suoi clienti) sarebbe sottoposto a una tassa federale del 39,6%, ad altre imposte cittadine pari al 12,8% e all’addizionale derivante dall’Obamacare pari al 3,8%. A conti fatti dovrebbe all’erario 6,7 miliardi di dollari.

La fortuna del finanziere, valutata complessivamente in 30 miliardi di dollari, è stata fin da subito spostata fuori dai confini americani. Il Quantum Endowment Fund, fondo-bandiera di Soros che già nel 1973 raccolse 12 milioni di dollari da miliardari europei (qualcuno dice che Carlo De Benedetti sia uno dei fortunati sottoscrittori iniziali), fu basato subito nelle Antille Olandesi. I conti sono presto fatti: in 40 anni quel fondo, la cui performance è stata in media del 20% fino al 2011 (anno in cui Soros lo ha riconvertito in un family office creando la Soros Fund Management) ha preso dai clienti il 20% dei profitti che, reinvestiti per quattro decenni senza pagare tasse, lo hanno portato a valere oggi quasi 16 miliardi di dollari. Se invece avesse pagato tutte le tasse dovute, il patrimonio del fondo sarebbe di soli 2,4 miliardi di dollari.
Insomma, in Italia abbiamo i furbetti del quartierino che sono dei dilettanti a confronto dei furboni di Wall Street.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -