I marò rischiano ancora la pena di morte, rimandato esame ricorso Nia

La Corte suprema indiana ha deciso di rinviare a dopo le vacanze estive, che terminano l’1 luglio, tutti i casi iscritti oggi compreso l’avvio della discussione del ricorso dei fucilieri di marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone contro la polizia investigativa Nia.

I giudici esamineranno quindi solo alcuni casi riguardanti la possibile applicazione della pena di morte. Tutto il mondo ha capito che abbiamo una classe dirigente senza spina dorsale.



   

 

 

1 Commento per “I marò rischiano ancora la pena di morte, rimandato esame ricorso Nia”

  1. Da oltre tre anni politica e media fanno a gara per tenere nascosta la verità sull’innocenza dei marò all’opinione pubblica. E’ ora di gettare via la maschera dell’ipocrisia! E’ ora di rompere il vergognoso ed imbarazzante patto del silenzio tra tutte le forze politiche in parlamento ed i media. E’ ora di far sapere all’opinione pubblica che Salvatore Girone e Massimiliano Latorre vivono da oltre tre anni come sequestrati innocenti e sono completamente estranei ai fatti loro contestati.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -