Yukos, Corte Aja: Russia paghi 50 mld di dollari in danni (agli amici di Lord Rothschild)

Khodorkovsky28 luglio – La Corte permanente di arbitrato dell’Aja ha stabilito che la Federazione russa paghi 50 miliardi di dollari in danni a GML Ltd, l’azionista di maggioranza dell’ex Yukos Oil Company, nella causa di espropriazione del colosso petrolifero. Lo hanno annunciato oggi in una conferenza stampa a Londra i rappresentanti legali di GML.

Secondo il Financial Times, si tratta di uno dei maggiori risarcimenti della storia ai danni di uno Stato. E come hanno sottolineato i legali di GML, ai 50 miliardi di danni si devono aggiungere spese legali per 60 milioni di dollari.

La Corte dell’Aja ha stabilito che la Russia ha agito in modo illegale con l’espropriazione di Yukos, il cui azionista di maggioranza era l’oligarca decaduto Mikhail Khodorkovsky, oppositore del presidente Vladimir Putin. Secondo Emmanuel Gaillard, uno dei legali che ha seguito il caso e responsabile dello Shearman & Sterling LLP’s International Arbitration Group, oltre a portare la compagnia alla bancarotta, Mosca ha venduto gli assets di Yukos a società controllate dallo Stato per ragioni politiche.

L’acquisto degli asset della ex Yukos da parte di Rosneft “è stato pienamente legittimo e conforme alla legislazione in vigore”. Lo ha annunciato in una nota il colosso petrolifero russo che in varie operazioni si è aggiudicato asset del gruppo liquidato. Rosneft ha aggiunto di non poter essere quindi “oggetto di alcun reclamo”. Anche Eni ed Enel, nel 2007, acquisirono alcuni asset attraverso un’asta. Entrambe le società hanno rivenduto le proprie quote nel 2013.

Lavrov, Russia userà ogni mezzo giuridico – La Russia utilizzerà “tutte le opzioni giuridiche a sua disposizione per difendere la propria posizione” dopo la condanna a versare 50 miliardi di dollari di risarcimento agli azionisti della ex Yukos, decisa dalla Corte dell’Aja. Lo ha affermato il ministro degli esteri Serghei Lavrov in una conferenza stampa. ansa

kissinger

[dividers style=”1″]

La vera storia dell’affare Khodorkovsky da comedonchisciotte

Ciò che viene accuratamente omesso dalla storia di Khodorkovsky è, tuttavia, la vera ragione per cui Putin ha arrestato ed imprigionato l’ex capo del più grande gigante petrolifero privato della Russia, Yukos.

Il vero crimine di Mikhail Khodorkovsky sta nel fatto che egli era parte di un’operazione dell’intelligence occidentale per smantellare e distruggere ciò che rimane della Russia come stato funzionante. Alla luce dei fatti, la giustizia mossa contro di lui è mite in confronto agli standard di Stati Uniti e Inghilterra per coloro che vengono condannati di tradimento contro lo stato.  La prigione delle torture di Obama a Guantanamo è solo un esempio delle diverse misure di Washington. […]

Khodorkovsky fu arrestato nel 2003 non appena mise piede fuori dal suo aereo privato in Siberia. È stato arrestato, come afferma correttamente Wikipedia, per reati fiscali. Quello che non è stato detto è che alla tenera età di 40 anni è diventato l’uomo più ricco della Russia con circa 15 miliardi di dollari, ottenuti tramite acquisizione fraudolenta dei patrimoni statali durante l’era senza legge di Yeltsin. In un’asta gestita dalla sua stessa banca, Khodorkovsky pagò 309 milioni di dollari per la Yukos. Nel 2003 la stessa compagnia fu valutata 45 miliardi di dollari, e non fu dovuto al genio gestionale di Khodorkovsky.

Nel 1998, Khodorkovsky è stato rilasciato in un caso degli Stati Uniti in cui era stato accusato di favoreggiamento nel riciclaggio di 10 miliardi di dollari con la sua stessa banca e la Republic National Bank of New York. Sembrò che avesse degli amici molto influenti negli USA. Il successivo capo della Republic National Bank of New York, Edmund Safra, fu ucciso alcuni mesi dopo nel suo appartamento a Monaco, a quanto si dice da una presunta “mafia russa” che egli aveva ingannato in un riciclaggio di denaro della droga.2

Ma c’era di più. Khodorkovsky ha stretto alcuni legami di grande effetto a Ovest. Pieno di nuovi miliardi di fatto rubati al popolo russo, si è fatto degli amici importanti. Ha messo su una fondazione chiamata Open Russia Foundation. Ha invitato due potenti occidentali alla sua commissione – Henry Kissinger e Jacob Lord Rothschild. Poi ha iniziato a sviluppare legami con alcuni dei più potenti circoli di Washington, dove venne nominato per la Commissione di Consulenza della private equity segreta, il Carlyle Group, dove partecipò agli incontri della commissione con I suoi colleghi consulenti, come George H.W. Bush e James Baker III. 3

Tuttavia, il vero crimine che ha mandato Khodorkovsky dietro le sbarre del carcere russo è stato il fatto che egli era nel mezzo dell’attuazione di un colpo di stato sostenuto dagli Stati Uniti per conquistare la presidenza russa nelle elezioni russe della Duma previste nel 2004.

Khodorkovsky era sul punto di usare la sua enorme ricchezza per comprare i seggi necessari nelle prossime elezioni della Duma affinché potesse cambiare le leggi russe sulla proprietà del petrolio nel sottosuolo e di quello trasportato negli oleodotti. I

n più, aveva intenzione di sfidare direttamente Putin e diventare Presidente della Russia. Come parte del losco traffico che diede a Putin il tacito sostegno della cosiddetta ricca Russian Oligharcs, Putin strappò un accordo per cui questi oligarchi avevano il permesso di mantenere la loro ricchezza a patto che avessero rimpatriato delle azioni e non avessero interferito nella politica interna della Russia con la loro ricchezza. La maggior parte degli oligarchi accettò, come anche Khodorkovsky all’epoca. Questi sono ancora uomini d’affari affermati. Khodorkovsky no.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -