Kyenge critica Renzi: deve rafforzare Mare Nostrum e fare la legge sullo ius soli

kyenge

 

28 apr – Cécile Kyenge mastica amaro e attacca il governo sull’emergenza clandestini. In un’intervista a La Stampa, l’ex ministro per l’Integrazione critica duramente il presidente del Consiglio e bacchetta l’esecutivo sulle modalità di gestione dell’operazione Mare Nostrum.

A caccia di un seggio all’Europarlamento, la Kyenge alza il tiro: “L’operazione Mare Nostrum è un progetto fermo perché non lo si sviluppa, non lo si fa andare avanti.” L’ex ministro stigmatizza il fatto che ad oggi gli interventi si limitino al soccorso in mare e chiede snellimenti delle pratiche burocratiche, soprattutto in direzione di una riduzione dei tempi per il conferimento dello status di rifugiato.

Di fronte agli annunci di Renzi, che vuole “rivisitare” Mare Nostrum, la replica è piccata: “L’operazione non va interrotta, ma rafforzata e completata, non lasciata a metà, così come gli altri percorsi che abbiamo iniziato. A partire dalla legge sullo ius soli.” Ed è proprio su quest’ultimo provvedimento che la Kyenge dà battaglia con maggior convinzione, chiedendo la calendarizzazione della legge alla Camera e promettendo nuove proteste in Parlamento: “All’inizio di ogni seduta leggeremo una lettera di un bambino senza cittadinanza. Ne abbiamo un milione”. ilgiornale.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -