Osservatori-farsa (Osce), organizzazioni marce fino al midollo. La Russia si liberi degli euro-clown

osce

 

25 apr – […] In Crimea sbagliano o hanno ragione se negano l’accesso agli “osservatori militari disarmati”? A parer mio, hanno assolutamente ragione. Ecco perché. La Russia ha già visto questi cosiddetti “osservatori” in Cecenia, in Bosnia, in Kosovo, in Ossezia del Sud ed è sempre la stessa identica storia: questi ragazzi sono “ciechi professionisti” e non vedranno mai nulla che potrebbe contraddire i fatti su cui si basa la versione ufficiale dei loro capi gerarchici.

Per prima cosa, buona parte di loro sono agenti dei rispettivi servizi di intelligence militare (e, a stento, lo nascondono). Per questo hanno un modo Putindi fare che dimostra una cultura militare. Riuscite a immaginare che un “osservatore” polacco o uno estone riuscirebbe a trovare qualcosa di buono in quello che fanno i militari russi? Certo che no. Ho incontrato questi ragazzi personalmente e posso attestare che non c’è nessuna possibilità. Ma c’è un’altra cosa, ancora più importante: l’Osce, come tutte le altre organizzazioni europee, è una organizzazione marcia fino al midollo, gestita da burocrati che vogliono solo fare carriera. Francamente, credo che la Russia farebbe bene a ritirarsi dall’Osce, dovrebbe chiudere gli uffici che ha in Russia e semplicemente ignorarla. E dico ancora di più, credo che la Russia dovrebbe ritirarsi da tutte le organizzazioni europee, tutte, non solo l’Osce.

Che cosa ha fatto finora il Consiglio d’Europa per la Russia? E il Consiglio di Cooperazione del Nord Atlantico: ha mai fatto qualcosa di buono per la Russia? Che hanno fatto il Consiglio di Cooperazione Euro-Atlantico, e la Cooperazione per la Pace e la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo? C’è qualcuna di queste organizzazioni che ha mai fatto qualcosa di buono per la Russia? Certo che no! Queste organizzazioni europee hanno solo due scopi: per prima cosa, far sembrare che l’Europa sia veramente preoccupata e, seconda cosa, trovare dei buoni posti di lavoro ben pagati per un esercito di burocrati.

La realtà, naturalmente, è che c’è una sola entità che conta in Europa: la Nato, la longa manu dell’ amministrazione coloniale degli Stati Uniti. Se i russi hanno veramente bisogno di parlare con il Boss, basta che facciano il numero della Casa Bianca o che parlino con l’ambasciatore Usa. Soldati russi in CrimeaAnche quando si tratta dei “cosiddetti affari europei”. Perché – come entità politica – l’Europa non esiste.

E se qualcuno ha qualche dubbio su quello che dico, mi basta che risponda a una semplice domanda: quando mai una organizzazione europea ha mai alzato la voce per dire “no” allo Zio Sam? Okay, va bene, qualche volta l’ha fatto, ma solo su questioni banali e per qualche affare commerciale. Ma su una questione politica internazionale importante? Mai. Così tutto quello che fa la Russia, come membro di queste organizzazioni, è solo dare credibilità al mito che ci sia un’Europa indipendente là fuori, mentre non ce n’è proprio nessuna.

La triste realtà è che l’Europa è la cagna dell’America, e farà tutto quello che dice lo Zio Sam e la bandiera dell’Ue potrebbe essere sostituita da con una in cui si vede sventolare un barboncino sottomesso. Quindi, se la Russia, o la Crimea, hanno deciso di far entrare in Crimea qualche “osservatore”, che è in realtà agli ordini dello Zio Sam, non farebbero prima e meglio a far entrare direttamente degli osservatori della 82° Airborne o degli agenti speciali della Cia, senza perdere tempo con questi euroclown che arrivano dall’Estonia o dalla Slovenia? Almeno gli americani sarebbero veri professionisti, non farebbero finta di essere soldati… La Ue non merita nessun rispetto e la Russia dovrebbe smetterla di comportarsi come fanno gli europei, quando è chiaro che non vorrebbero obbedire.

(The Saker, “Perché la Russia dovrebbe ritirarsi da tutte le organizzazioni europee”, dal blog “Vineyard Saker”, ripreso da “Come Don Chisciotte” , traduzione Bosque.Primario



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -