Immigrati clandestini e scabbia all’aeroporto di Venezia

immigr1 apr – Una nuova rotta dell’immigrazione clandestina. Venezia, Copenhagen, Oslo. Città così diverse ma unite da un unico disegno criminale che fa i soldi con chi cerca una “nuova vita” in Nord Europa. Dall’Africa. Se ne sono accorti gli agenti della polizia di frontiera in servizio all’aeroporto Marco Polo, a quanto pare riusciti a mettere i bastoni tra le ruote a una rotta dell’immigrazione molto battuta.

Sabato scorso, infatti, le forze dell’ordine hanno fermato all’imbarco sette cittadini di nazionalità eritrea, tra cui tre minorenni affidati a comunità specializzati. Tutti avevano passaporti e permessi di soggiorno falsificati. Niente volo Scandinavian Airlines delle 20 per loro. Anzi, una denuncia per ciascuno.

Ma non è finita qui. Il giorno seguente il “recidivo” dei sette denunciati si è ripresentato all’imbarco. Stavolta voleva salire a bordo del volo AirOne delle 12 diretto a Copenhagen. Sempre con documenti fasulli. Con lui altri due giovani: una donna sprovvista di documenti e un compagno di viaggio con carte in regola e residente a Milano. Per due di loro (il “recidivo”, di 25 anni, e la donna, di 20 anni) sono stati riscontrati anche i sintomi della scabbia e sono stati portati all’ospedale Dell’Angelo per essere sottoposti a profilassi obbligatoria. Del resto il prurito persistente che lamentavano e le classiche macchie alle mani non hanno instillato alcun dubbio sulla diagnosi.

Fatto sta che evidentemente una organizzazione (su cui si stanno concentrando le indagini della polizia di frontiera) fornisce di documenti falsi e biglietti questi giovani eritrei clandestini (i minorenni bloccati hanno tra i 16 e 17 anni, i maggiorenni non superano i 25 anni). A dimostrazione di ciò anche lunedì mattina cinque eritrei sono stati fermati all’imbarco, tra cui due minorenni. Identico copione: passaporto falso e tanta voglia di cercare fortuna in Scandinavia.

.veneziatoday.it



   

 

 

2 Commenti per “Immigrati clandestini e scabbia all’aeroporto di Venezia”

  1. E bravi i poliziotti…un applauso. Avete impedito che se ne andassero dall’Italia… complimenti grazie al vostro lavoro possiamo continuare a goderceli in casa nostra!

  2. Ma perchè non li avete fatti salire e partire alla volta della Scandinavia..dannazione!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -