“Aiutatemi! Il mio corpo sta bruciando”: così gli Usa uccidono i condannati

Usa, polemiche per le esecuzioni con il pentobarbital

eutanasia24 genn –  – Seconda esecuzione dell’anno nello stato dell’Oklahoma con il nuovo barbiturico che continua ad alimentare polemiche per le sofferenze che i prigionieri devono sopportare prima di morire.

Kenneth Hogan, 52 anni di cui 27 nel braccio della morte, è stato giustiziato ieri con una dose letale di pentobarbital, un anestetico usato solitamente per uccidere gli animali a cui hanno fatto ricorso diversi Stati americani a fronte del rifiuto dei produttori europei di garantire le forniture di barbiturici per le esecuzioni.

L’anestetico era già stato usato in Oklahoma lo scorso 9 gennaio per giustiziare Michael Lee Wilson che, sulla tavola dell’esecuzione, urlò in maniera straziante per diversi minuti prima di morire. “Aiutatemi” continuava a ripetere davanti al boia, “il mio corpo sta andando a fuoco”.

In Ohio, invece, Dennis McGuire, giustiziato il 16 gennaio con una miscela di medicinali mai testata finora, è parso soffocare e dibattersi, stando a quanto riferito dai testimoni. L’esecuzione di Hogan è la quinta registrata negli Stati Uniti dall’inizio dell’anno.

www.today.it

La Bonino impegnata contro la pena di morte. In India? NO. In Benin!



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -