Il Veneto alla guida di un progetto biennale UE contro il razzismo

razzismo20 genn – Comprendere come si formano e si rafforzano gli stereotipi su immigrati e minoranze attraverso i prodotti “dell’industria culturale” e studiare strategie per contrastarli, puntando sulla creatività dei giovani, contro il diffondersi di razzismo e xenofobia in Ue. È l’obiettivo di “Beams”, progetto che ha riunito tutti i 15 partner europei a Bruxelles, presso la sede della Regione Veneto, capofila dell’iniziativa con la Direzione Flussi migratori, per discutere i primi risultati, in un meeting tecnico.

L’iniziativa, della durata di due anni e unica nel suo genere nel panorama europeo, è finanziata dalla Commissione Ue col programma “Diritti fondamentali e cittadinanza”. Due le fasi di lavoro: la prima, appena conclusa, ha visto l’analisi di film, programmi tv, fotografie, canzoni popolari, per capire come i media, negli ultimi 20 anni, abbiano riflesso e amplificato gli stereotipi su immigrati e minoranze. Questi primi risultati saranno presentati alla comunità scientifica in una conferenza internazionale di medio termine a Vienna, a fine febbraio, con la partecipazione di Ocse e Agenzia europea per i Diritti fondamentali.

La seconda parte del progetto vedrà protagonisti studenti e gruppi di giovani di tutta Europa, che saranno coinvolti in laboratori didattici e iniziative per creare nuovi prodotti culturali capaci di andare oltre le rappresentazioni stereotipate e discriminatorie delle minoranze.

A novembre è previsto l’evento conclusivo a Venezia. Tra i partner italiani sono coinvolti Unar – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali Associazione 2050, Associazione Sucar Drom, l’Ordine dei Giornalisti della Puglia e Veneto Lavoro. Partecipano inoltre organizzazioni da Romania, Ungheria, Austria, Repubblica Ceca, Olanda, Gran Bretagna, Spagna e Francia. ansa



   

 

 

1 Commento per “Il Veneto alla guida di un progetto biennale UE contro il razzismo”

  1. Patetici tentativi di lavarci il cervello e indurci ad accettare una convivenza che sará nella realtá invece sempre piú drammatica ed esiziale per la nostra societá.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -