La sinistra boicotta la mostra sul seminarista massacrato dai partigiani

rivi22 nov – (il giornale) I segni dei tempi. Per un sociologo delle religioni attento come Massimo Introvigne la Chiesa si sta finalmente aprendo alla realtà complessa del Novecento a differenza di altre realtà: «La Chiesa è più avanti come dimostra un evento piccolo ma straordinario: la beatificazione di Rolando Rivi».

Rolando Rivi, il seminarista quattordicenne torturato e ucciso dai partigiani comunisti il 13 aprile 1945, negli ultimi giorni della guerra. Il 5 ottobre scorso, a distanza di quasi settant’anni, Rivi è stato proclamato beato con una grande festa al Palazzo dello sport di Modena.

Ma la sua popolarità finisce qui: il muro dell’ideologia da quelle parti, fra Modena e Reggio Emilia, non è ancora caduto anche se il Pci ha cambiato nome più di una volta. Così una mostra sulla vita troppo breve del giovane diventa la pietra dello scandalo, provoca rabbia e malumori finché la preside di una scuola elementare della zona blocca le visite dei ragazzi. «Impossibile contestualizzare la mostra – spiega con toni surreali Laura Spinabelli – dal punto di vista storico e didattico».
Non siamo più al 1945, all’epoca in cui i preti fra Modena e Reggio venivano bastonati e uccisi come i borghesi e gli anticomunisti perché i partigiani si preparavano all’imminente rivoluzione, però la malapianta del pregiudizio ideologico è dura a morire.

Antefatto: al meeting di Rimini viene presentata una mostra sul giovanissimo cattolico, vittima di una violenza cieca e feroce, rapito, pestato a sangue e massacrato con la fantomatica accusa di spionaggio. La mostra passa a Rio Saliceto (Reggio Emilia) e il parroco don Carlo Castellini organizza le visite dei bambini della vicina scuola elementare Anna Frank. Andrà a vederla solo chi partecipa all’ora di religione. C’è un filtro, dunque. Ma anche questo non basta: lunedì scorso, come ha documentato Andrea Zambrano sul quotidiano Prima pagina, si muovono le prime classi e qualcosa va storto.

C’è un pannello in cui si ricorda una frase in voga all’epoca: «Un prete di meno domani». Che poi sarebbero le parole pronunciate dagli assassini di Righi. Più di un genitore si offende, forse vede deturpata la memoria della guerra partigiana e la retorica che spesso l’accompagna, forse c’è ancora chi non è pronto ad un confronto con la storia vera, la lotta di classe a tratti brutale e selvaggia che si è svolta in queste terre.

La preside, informata, temporeggia, poi decide: stop alle visite. «Impossibile contestualizzare la mostra dal punto di vista storico e didattico». Nel triangolo rosso il passato non se ne vuole andare e i bambini, i bambini del 2013, restano in classe. Per sapere com’è andata dovranno aspettare la maggiore età.



   

 

 

1 Commento per “La sinistra boicotta la mostra sul seminarista massacrato dai partigiani”

  1. giovanni ruzzier

    Ho avuto modo di conoscere di persona il “comunismo” ed i comunisti italiani dopo il maggio 1945 in Istria. NON cambieranno mai! anche se muteranno le loro sigle di appartenenza. Però, che pena! per il piccolo Righi e che vergogna per coloro che ancora si nutrono di odio.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -